Aforismario 

 

Codice d'Amore

XII secolo

 

1 Il motivo del matrimonio non è da allegare come scusa legittima per l'amore.

 

2 Chi non sa nascondere, non sa amare.

 

3 Nessuno può legarsi a due amori.

 

4 Si sa che l'amore sempre cresce o diminuisce.

 

5 Non ha sapore ciò che l'amante prende di forza all'altro amante.

 

6 Il maschio non ama in genere se non nella compiuta pubertà.

 

7 È prescritta a uno degli amanti, per la morte dell'altro, una vedovanza di due anni.

 

8 Nessuno senza una ragione più che valida deve esser privato del suo amore.

 

9 Nessuno può amare se non vi è spinto dalla persuasione di amore (dalla speranza di essere amato).

 

10 L'amore di solito è cacciato di casa dall'avarizia.

 

11 Non conviene amare coloro di cui ci si vergognerebbe di desiderare le nozze.

 

12 L'amante vero non desidera gli amplessi di altri ma solo quelli provenienti dall'affetto dell'amante.

 

13 L'amore raramente è solito durare una volta divulgato.

 

14 Il successo troppo facile toglie presto incanto all'amore: gli ostacoli ne accrescono il valore.

 

15 Ogni persona che ama impallidisce alla vista dell'amante.

 

16 All'apparire improvviso dell'amante, il cuore trema.

 

17 Un nuovo amore obbliga il precedente ad andarsene.

 

18 Solo il merito rende degni d'amore.

 

19 L'amore che diminuisce rapidamente cade e raramente riprende vigore.

 

20 L'innamorato è sempre timoroso.

 

21 Dalla vera gelosia cresce sempre il sentimento d'amore.

 

22 Dal sospetto nasce la gelosia e cresce il sentimento d'amore.

 

23 Dorme meno e mangia meno colui che il pensiero d'amore tormenta.

 

24 Ogni azione dell'amante termina nel pensiero della persona amata.

 

25 Il vero amante non trova nulla di buono se non in ciò che pensa possa piacere alla persona amata.

 

26 L'amore non può rifiutare nulla all'amore.

 

27 L'amante non può saziarsi del piacere della persona amata.

 

28 Una piccola presunzione fa pensare che l'amante sospetti cose sinistre della persona amata.

 

29 Un'eccessiva abbondanza di piaceri impedisce l'amore.

 

30 Il vero amante è occupato dall'immagine della persona amata, assiduamente e senza interruzione.

 

31 Niente impedisce che una donna sia amata da due uomini, e un uomo da due donne.

 

Dell'amoreDell'amore
Autore Stendhal
Traduttore Maddalena Bertelà
Editore Garzanti Libri, 2007

 

Un amore intenso e disperato, ma respinto, ispirò a Stendhal quest'opera. "Dell'amore" è infatti il frutto, la reazione a quell'esperienza dolorosa. Che cos'è dunque questo "amore", si chiede Stendhal, che può tormentare, trasformare, travolgere? Può l'uomo, così spesso schiacciato dalla malattia d'amore, richiamare quest'ultimo a un interrogatorio che ne metta a nudo l'essere e le forme, l'agire e le leggi? Un saggio che rivela tutta la passionalità e la sensibilità di un grande autore attraverso l'incanto di una prosa cristallina.

Il Codice d'Amore è tratto da: Stendhal, Dell'Amore,

Garzanti, 1993 Traduzione di Maddalena Bertelà

Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su