Alain (Émile-Auguste Chartier) 

 

Alain

(Émile-Auguste Chartier)
Mortagne-au-Perche 1868 - Le Vésinet 1951
Filosofo, scrittore e giornalista francese

Aforismario

 

Ragionamenti di un Normanno


Propos d'un Normand, 1912

 

Chi è scontento degli altri è sempre scontento di sé.

 

Sistema delle belle arti


Système des Beaux-Arts, 1920

 

Nulla è più pericoloso di un'idea, quando è l'unica che abbiamo.

 

Marte o giudizio sulla guerra


Mars ou la guerre jugée, 1921

 

Sono le passioni e non gli interessi che governano il mondo.

 

Sulla felicità


Propos sur le bonheur, 1925/28

 

È certamente vero che noi dobbiamo pensare alla felicità degli altri; ma non si dice mai abbastanza che il meglio che possiamo fare per quelli che amiamo è ancora l'essere felici.

 

L'uomo si annoia del piacere ricevuto e preferisce di gran lunga quello conquistato.

 

La tristezza è soltanto malattia, e come malattia va sopportata senza tanti ragionamenti e ragioni.

 

Ci sono due specie di uomini: quelli che si abituano al rumore e quelli che cercano di far tacere gli altri.

 

Il cittadino contro i poteri


Le citoyen contre les pouvoirs, 1926

 

Pensare è dire no.

 

Sull'educazione


Propos sur l'éducation, 1932

 

Il difetto di ciò che è di per sé interessante è che non c'è alcuna difficoltà ad interessarsene, che non si apprende ad interessarsi per volontà.

 

Se il maestro si azzittisce, e gli scolari leggono, va tutto bene.

 

Storia dei miei pensieri


Histoire de mes pensées, 1936

 

La cosa più difficile del mondo è dire pensandoci quello che tutti dicono senza pensarci.

 

Elementi di filosofia


Éléments de philosophie, 1941

 

Amare è trovare la propria ricchezza al di fuori di sé stessi.

 

Le veglie della mente


Vigiles de l'esprit, 1942

 

Risvegliarsi è mettersi alla ricerca del mondo.

 

Le avventure del cuore


Les Aventures du cœur, 1945

 

L'effetto dell'ubriachezza è di abolire gli scrupoli del sentimento.

 

La storia è un grande presente, e mai solamente un passato.

Cento e un ragionamenti Cento e un ragionamenti
Autore Alain
Curatore Sergio Solmi
Editore Einaudi, 1975

 

Ciò che di essenziale ci lascia in retaggio Alain non è una teoria filosofica, ma un metodo, uno stile di pensiero. Di qui la rinuncia allo stile dei sistemi e delle formule − idee che crescono su pure idee, pensieri che sono riflessi, rispecchiamenti, concentrati di pensieri −, per lo stile spontaneo, risentito del saggista, che le idee fa nascere dal continuo contatto col reale, il quale ne colora altresì le scoperte di un alito di naturale poesia.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su