Alberto Savinio 

 

Alberto Savinio

(Andrea de Chirico)
Atene 1891 - Roma 1952
Scrittore, pittore e compositore italiano

Aforismario

 

Hermaphrodito, 1918


Quello che chiamiamo la modernizzazione della vita, non è che una continua e sempre più grande complicazione demoniaca.  

 

Infanzia di Nivasio Dolcemare, 1941


Si domandava perché la nascita di un bimbo è chiamata "lieto evento", ma non riusciva a trovare una risposta che lo convincesse. 

 

Le tre virtù cardinali del perfetto uomo di mondo, e cioè la bruttezza decorativa, la stupidità dolce, l'ignoranza sicura. 

 

Casa "La Vita", 1943


Amare è dare altrui la propria anima, è animare altrui con la propria anima, è illuderci di dare altrui una vita felice e profonda che altrimenti gli mancherebbe.

 

Chiarire un mistero è indelicato verso il mistero stesso.

 

Non vi lagnate, uomini, della Monotonia: è la nostra amica migliore. 

 

Ascolto il tuo cuore, città, 1944


Il progresso della civiltà si misura dalla vittoria del superfluo sul necessario.

 

Se volete combattere i dittatori, cominciate col primo: Dio!

 

È con le occasioni mancate che a poco a poco noi ci costituiamo un patrimonio di felicità. Quando il desiderio è soddisfatto, non resta che morire.

 

La nostra anima, 1944


Le cose più importanti sono anonime.

 

La scarpa è lo specchio dell'anima. Diffidate della scarpa troppo lustra. Essa denota egoismo, crudeltà, volontà di ridurre a propria vittima la creatura più debole e soprattutto la donna.

 

Sorte dell'Europa, 1945


Gridano agitati e agitatori contro la borghesia, e non sanno che, nel caso migliore, il loro agitarsi si concluderà nella creazione di una nuova borghesia.

 

Scritti dispersi, 1943-1952  


L'amore profondo vuol superare la pelle della gioventù e della bellezza, questi «ostacoli» all'amore.

 

L'uomo ineducato è pieno di bisogni, e a tutti obbedisce; l'uomo educato ha appena i bisogni necessari alla vita, l'uomo educatissimo non ha bisogni. 

 

L'infanzia è una anticipata e lunga agonia. Un lungo anelito. Un'aspirazione che sembra senza fine. Una attesa che non mostra di dover avere mai termine. L'infanzia è la disperata lotta (agonia) per uscire dall'infanzia.

 

Entriamo nel sonno per un atto di egoismo giornaliero: nella morte per un egoismo definitivo. 

 

Nuova enciclopedia, 1977


La Grammatica è un fatto a posteriori, e tanto basta a screditarla.

 

La nostra solitudine è la nostra nobiltà. La nostra solitudine è la nostra gioia.

 

Ascolto il tuo cuore, città Ascolto il tuo cuore, città
Autore Alberto Savinio
Editore Adelphi, 1984

In margine a questo libro, Savinio avverte il lettore che si tratta di «un libro discorsivo: un entretenimiento». E subito aggiunge che questa forma di «lungo e tranquillo conversare» è per lui la più ambiziosa, in quanto sottintende tutta la civiltà: qui «la fase cosmogonica della poesia – e del pensiero – è superata, sottintesa, e “taciuta”; per quel pudore che è regola rigorosa sul piano di questa superiore civiltà. Ormai non si opera più, non si cede più alla bassa ambizione di mettere le mani in pasta. Si rievoca soltanto. Si passa tranquilli, indifferenti, fra i ricordi che il dramma ha lasciato dietro di sé. E solo c’è voce per un discorso calmo. Poi, più oltre, più su, luogo non ci sarà nemmeno per un discorso; ma solo per il silenzio».

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su