Alessandro Manzoni 

 

Alessandro Manzoni

Milano 1785 - 1873
Scrittore, poeta e drammaturgo italiano

I promessi sposi, 1827-1842

Aforismario

 

Di libri basta uno per volta, quando non è d'avanzo.

 

La ragione e il torto non si dividon mai con un taglio così netto, che ogni parte abbia soltanto dell'una o dell'altro.

 

Mala cosa nascer povero.

 

I provocatori, i soverchiatori, tutti coloro che, in qualunque modo, fanno torto altrui, sono rei, non solo del male che commettono, ma del pervertimento ancora a cui portano gli animi degli offesi.

 

C'è talvolta, nel volto e nel contegno d'un uomo, un'espressione così immediata, si direbbe quasi un'effusione dell'animo interno, che, in una folla di spettatori, il giudizio sopra quell'animo sarà un solo.

 

È uno de' vantaggi di questo mondo, quello di poter odiare ed esser odiati, senza conoscersi.

 

Non rivangare quello che non può servire ad altro che a inquietarti inutilmente.

 

Ben di rado avviene che le parole affermative e sicure d'una persona autorevole, in qualsivoglia genere, non tingano del loro colore la mente di chi le ascolta.

 

Una delle più gran consolazioni di questa vita è l'amicizia; e una delle consolazioni dell'amicizia è quell'avere a cui confidare un segreto.

 

Per grazia del cielo, accade talvolta anche nel male quella cosa troppo frequente nel bene, che i fautori più ardenti divengano un impedimento.

 

Il delitto è un padrone rigido e inflessibile, contro cui non divien forte se non chi se ne ribella interamente.

 

Que' prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi, predicano sempre che la perfezione sta nel mezzo; e il mezzo lo fissan giusto in quel punto dov'essi sono arrivati, e ci stanno comodi.

 

I poveri, ci vuol poco a farli comparir birboni.

 

Volete aver molti in aiuto? Cercate di non averne bisogno.

 

Il coraggio uno non se lo può dare.

 

Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune.

 

Si dovrebbe pensare più a far bene, che a star bene: e così si finirebbe anche a star meglio.

 

Fate del bene a quanti più potete, e vi seguirà tanto più spesso d'incontrare dei visi che vi mettano allegria.

I promessi sposiI promessi sposi
Autore Alessandro Manzoni
Curatore V. Spinazzola
Editore Garzanti Libri, 2008

Una risoluta disposizione a rispettare lo svolgimento disordinato e imprevedibile della vita governa il capolavoro manzoniano. Seguendo un filo modesto che si dipana e si arruffa, rimbalza in ogni direzione, il narratore giunge a scoprire la rete di connessioni che unisce tutte le parti della babelica dimora umana, dalle più grandiose alle più inospitali, e l'intimo rapporto di necessità che collega gli elementi del disegno complessivo. Casta ma non timida, la fantasia del Manzoni è affascinata dalla violenza delle passioni che ardono nel cuore umano, e vuol riviverne tutte le potenzialità in un paragone assiduo di estremi opposti, dall'infima bassezza all'eroismo sublime. 

Foto: ritratto di Alessandro Manzoni (part. in b.n.)

Francesco Hayez, 1841, Pinacoteca di Brera, Milano.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su