Aforismario 

Andrea Maggiolo

Torino 1982
Web editor  italiano

Micronarrativa

Aforismario

 

Lino per lavoro traduce manuali d’istruzioni di elettrodomestici. Sognava di tradurre poesia ma quel che conta, dice, “è fare le cose con cura”.

 

Si è fatta scippare appena uscita dalle Poste, ieri mattina. Lia, 77 anni, non ha nemmeno urlato. Non vuole mai essere di disturbo a nessuno.

 

Jean, agente di commercio. Una vita di corsa. Anche la morte non lo ferma. Un infarto nel metrò di Parigi. Sembra addormentato. E il treno va.

 

Cronista di nera in Calabria, Rino indossa occhiali scuri da mattina a sera. Dopo 25 anni di lavoro, non sopporta più il rosso del sangue.

 

Italo sa altezza e peso forma dei 400 giocatori di serie A. Da quando è su una sedia a rotelle, le statistiche lo aiutano. A non pensare.

 

Toni ha un chiosco di panini vicino alla tangenziale. I clienti? Camionisti che hanno sbagliato strada. Non ha mai battuto uno scontrino.

 

Chiama le badanti “pulisciculi”, gira in Porsche, vive in una mega-villa. Quando il marito le dice che han perso tutto Ada si piscia addosso.

 

Un attimo prima che la caldaia esploda L. chiede a S. di sposarlo. Poi fuoco, fumo e le sirene delle ambulanze che sembrano dire “Sì, Sì, Sì”.

 

Mariano aveva esordito persino in serie B. Ora è magazziniere in un’azienda veneta. Infortunio al ginocchio, dice. Problemi di alcol, dicono. 

 

Solo quando è nel suo uliveto, che cura con passione, Aldo non pensa alla figlia Sara, che non gli parla da 18 anni. Chissà se è già nonno.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su