Cyril Connolly 

 

Cyril Connolly

Coventry 1903 - Berwick 1974
Critico letterario e scrittore britannico

La tomba inquieta

The Unquiet Grave, 1944

Aforismario

 

Scopo dell'Amare è l'affrancamento dall'Amore. Lo raggiungiamo attraverso una serie di amori sfortunati oppure, senza un rantolo, grazie a un solo amore felice.

 

La vita è un labirinto dove, prima ancora di aver imparato a camminare, prendiamo la strada sbagliata.

 

Nei giovani è la paura della mezza età, negli uomini di mezza età la paura della vecchiaia la causa prima dell'infedeltà, questa ringiovanitrice infallibile.

 

Imprigionato in ogni uomo grasso c'è un magro che fa cenni disperati per uscire.

 

Un pigro, qualunque siano state le sue doti di partenza, avrà condannato se stesso a pensieri di seconda mano e ad amici di seconda scelta.

 

Eppure, sono molti quelli che non osano uccidersi per timore di quello che potrebbero dire i vicini di casa.

 

La noia della domenica pomeriggio, che spinse De Quincey a bere laudano, generò anche il surrealismo: ore propizie per fabbricare bombe.

 

L'arte è memoria: la memoria è desiderio riattivato.

La tomba inquietaLa tomba inquieta
Un ciclo di parole
Autore: Cyril Connolly (Palinuro)
Traduttrice: Mariella Bertolucci
Editore: Adelphi, Milano, 1995

Cyril Connolly fu critico letterario temuto e ammirato, nonché animatore di una leggendaria rivista, "Horizon". Ma dietro il suo umore insofferente si celava uno scrittore clandestino, a cui Connolly permise una sola sortita, sotto lo pseudonimo Palinuro. Scritto a Londra durante la guerra, il romanzo è una mappa della sensibilità di un "egotista moderno"; è un autoritratto segreto, uno di quei testi dove si addensano i veleni dell'esperienza. Ciò che attira irresistibilmente Connolly verso la figura di Palinuro, l'infelice nocchiero di Enea i cui Mani devono essere placati, è "quel nocciolo di malinconia e di senso di colpa che dal di dentro ci distrugge".

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su