George Gordon Byron 

 

George Gordon Byron

Londra 1788 - Missolungi 1824
Poeta e politico inglese

Aforismario

 

Ore d'ozio


Hours of Idleness, 1807

 

L'amicizia è amore senza le sue ali.

 

Una porzione di Paradiso è ancora sulla terra, / e l'Eden rivive nel primo bacio d'amore.

 

Il corsaro


The Corsair, 1814

 

Solo il debole si pente!

 

Il potere del Pensiero, è la magia della Mente.

 

Stanze per musica


Stanzas for Music, 1816

 

Non v'è gioia che il mondo possa dare, eguale a quella che nega.

 

Il pellegrinaggio del cavaliere Aroldo


Childe Harold's Pilgrimage, 1818

 

La fama è la sete della giovinezza.

 

I due Foscari


The Two Foscari, 1821

 

Chi ha da fare non ha tempo per le lacrime.

 

Marin Faliero doge di Venezia


Marino Faliero, Doge of Venice, 1821

 

La vera pietra di paragone del merito è il successo.

 

Il ricordo della felicità non è più felicità; il ricordo del dolore è ancora dolore.

 

L'età del bronzo


The Age of Bronze, 1823

 

Il "buon tempo andato"... il tempo è sempre buono quando è andato.

 

Don Giovanni


Don Juan, 1819-1824 (incompiuto)

 

Il piacere è peccato, e qualche volta il peccato è un piacere.

 

Dopo tutto, una bugia cos'è? Nient'altro che la verità in maschera.

 

L'uomo, giacché è ragionevole, si deve ubriacare: il meglio della vita è l'ebbrezza.

 

Nella sua prima passione la donna ama il suo amante, in tutte le altre ciò che ama è il suo amore.

 

Non v'è nulla, senza dubbio, che calmi lo spirito come il rum e la vera religione.

 

Se Laura fosse stata la moglie del Petrarca, pensate che lui avrebbe scritto sonetti tutta la vita?

 

Tutte le tragedie finiscono con la morte, tutte le commedie con un matrimonio.

 

Dolce è la vendetta; specialmente per le donne.

 

L'entusiasmo non è altro che ubriachezza morale.

 

L'odio è di gran lunga il più durevole dei piaceri; gli uomini amano in fretta, ma detestano a tutto loro agio.

 

Non ammirare è tutta l'arte ch'io conosco.

 

Tutta la storia umana attesta che la felicità dell’uomo, peccatore affamato, da quando Eva mangiò il pomo, dipende molto dal pranzo.

 

Diari


Journals, 1798-1824

 

La ragione per cui l'adulazione non è spiacevole è che sebbene menzognera, dimostra come si sia abbastanza importanti, in un modo o nell'altro, da indurre le persone a mentire per conquistarsi la nostra amicizia: un problema loro.

 

Ognuno è incline a credere in ciò che desidera, da un biglietto della lotteria a un passaporto per il paradiso.

 

Libri di George Byron

ManfredManfred
Curatore F. Buffoni
Editore Mondadori, 2005

Il dramma Manfred è incentrato sulla figura di un eroe faustiano, esperto di scienza e di magia, tormentato dal rimorso per una colpa inconfessabile: l'incesto con la sorella Astarte, cui Manfred ha spezzato il cuore.

 

Don JuanDon Juan
Curatore G. Dego
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 1996

 

Con la 'nonchalance' di un giovane lord che svari senza complessi sul suo passato e l'intera tradizione letteraria occidentale Byron narra i viaggi e le rocambolesche avventure di un Don Giovanni che ha la non sempre invidiabile prerogativa di essere un "sedotto" invece che "un seduttore". Ma non si tratta soltanto di avventure erotiche e picaresche. Nel modo più acuto e vivace immaginabile il "Don Juan" racconta anche l'amore e il matrimonio, l'educazione dei figli e i ricordi, la guerra e le finte lacrime dei politici.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su