Georges Bataille 

 

Georges Bataille

Billom 1897 - Parigi 1962
Scrittore, antropologo e filosofo francese

Aforismario

 

Storia dell'occhio


Histoire de l'oeil, 1928

 

Ad altri l'universo sembra onesto. Sembra onesto alle persone oneste perché hanno gli occhi castrati. È per questo che temono l'oscenità. Essi non provano alcuna angoscia se sentono il canto del gallo o se scorgono il cielo stellato. Generalmente, godono i "piaceri della carne" a condizione che siano blandi.

 

L'esperienza interiore


L'Expérience intérieure, 1943

 

Io designerei con la parola "mistero" ciò che ordinariamente viene chiamato Dio.

 

Summa ateologica


Somme athéologique, 1943 (incompiuto)

 

Dio è peggio o più lontano che il male. È l'innocenza del male.

 

Gli esseri sono incompleti l'uno rispetto all'altro, l'animale rispetto all'uomo, quest'ultimo rispetto a Dio, che non è incompleto che per il fatto di essere immaginario.  

 

Chi non "muore" di non essere che un uomo non sarà mai che un uomo.

 

Ogni libro è anche la somma dei fraintendimenti di cui è l'occasione.

 

Su Nietzsche


Sur Nietzsche, 1945

 

L'apparente immobilità di un libro c'inganna: ogni libro è anche la somma dei malintesi di cui è l'occasione.

 

La parte maledetta


La Part maudite, 1949

 

L'atto sessuale è nel tempo ciò che la tigre è nello spazio.  

 

L'abate C.


L'Abbé C., 1950

 

La vera poesia è al di fuori delle regole. 

 

L'erotismo


L'Erotisme, 1957

 

Dell'erotismo si può dire, innanzitutto, che esso è l'approvazione della vita fin dentro la morte.

 

L'amore ha per essenza e meta la fusione di due individui, dunque di due esseri frammentari. Ma si tratta di una fusione che si rende sensibile soprattutto nell'angoscia, vale a dire negativamente nella misura in cui essa è inaccessibile, nella misura in cui è perseguita nell'insufficienza e nel tremore.

 

L'attività sessuale dell'uomo non è necessariamente erotica; va considerata erotica solo nella misura in cui essa non è rudimentale o semplicemente animale.

 

L'erotismo nel suo complesso è infrazione alla regola dei divieti: è un'attività umana. Ma benché abbia inizio laddove la bestia finisce, la bestialità ne rappresenta comunque la sostanza.

 

La sessualità fisica sta all'erotismo come il cervello al pensiero.

 

Nulla di più deprimente, per un uomo, della bruttezza di una donna, sulla quale la laidezza degli organi o dell'atto non risalti. La bellezza conta in primo luogo perché la bruttezza non può essere sciupata, laddove l'essenza dell'erotismo risiede appunto nella profanazione.

 

Le donne non sono più desiderabili, ma si offrono al desiderio. Si offrono come oggetti al desiderio aggressivo degli uomini. Non che in ogni donna si celi una prostituta in potenza, ma la prostituzione è la conseguenza dell'atteggiamento femminile.

 

Il cadavere è lì, a fornire la prova della sorte che attende ogni uomo; il cadavere dimostra che l'uomo non può sfuggire, a lungo andare, alla violenza in agguato.

 

La letteratura e il male


La Littérature et le Mal, 1957

 

La letteratura è l'essenziale, o non è niente. 

 

Così come l'orrore è la misura dell'amore, la sete del male è la misura del bene.  

 

Una coscienza senza scandalo è una coscienza alienata.

 

Il Processo di Gilles de Rais


Le Procès de Gilles de Rais, 1959

 

La confessione è la tentazione del colpevole. 

 

Mia madre 


Ma Mére, 1966 (postumo e incompiuto)

 

Il riso è il salto del possibile nell'impossibile.

 

Libri di Georges Bataille

L' erotismoL'erotismo
Autore Georges Bataille
Traduzione Adriana Dell'Orto
Editore ES, 2009

 

L'erotismo ha per gli uomini un senso che la metodologia scientifica non è in grado di cogliere. L'erotismo può essere fatto oggetto di indagine solo a patto che, indagando su di esso, si indaghi sull'uomo.

 

La letteratura e il maleLa letteratura e il male
Traduttore A. Zanzotto
Editore SE, 2009

In questa raccolta i saggi sono dedicati a otto grandi scrittori (Emily Bronté, Baudelaire, Michelet, Blake, Sade, Proust, Kafka e Genet). Nella visione di Bataille, le definizioni acquisite del Male e del Bene vengono capovolte: accedere al Male e contestare il Bene è la condizione stessa della libertà. Secondo Bataille, infatti, il Male costituisce l'antitesi di tutto ciò che viene accettato convenzionalmente come Bene: l'uomo si distingue dagli animali perché rispetta una serie di divieti; ma tali divieti sono ambigui, e dunque l'uomo deve violarli, poiché la loro trasgressione è un atto di coraggio in cui egli si realizza.

Tutte le citazioni, eccetto quelle tratte da "L'erotismo",

sono state tradotte dal francese da Giovanni Soriano.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su