Gilbert Keith Chesterton 

 

Gilbert Keith Chesterton

Londra 1874 - Beaconsfield 1936
Scrittore e giornalista britannico

Aforismario

 

L'imputato


The Defendant, 1901 

 

C'è una strada che va dagli occhi al cuore senza passare per l'intelletto. 

 

Ogni grande opera letteraria è allegorica; allegorica sotto un certo aspetto dell'intero universo. L'Iliade è grande solo perché la vita di tutti è una battaglia, l'Odissea solo perché la vita di tutti è un viaggio, il libro di Giobbe perché la vita di tutti è un enigma.

 

Il Napoleone di Notting Hill


The Napoleon of Notting Hill, 1904

 

Gli uomini si affaticano per delle novità, siano mode, disegni, riforme, mutamenti; ma sono le cose vecchie quelle che stupiscono e colpiscono profondamente; sono le cose vecchie veramente giovani.  

 

Il mondo è sempre lo stesso, giacché tutto in esso è sempre imprevisto! 

 

Eretici


Heretics, 1905 

 

Nessuno è più pericoloso di un uomo privo di idee, il giorno che ne avrà una gli darà alla testa come il vino a un astemio. 

 

Il temperamento artistico è una malattia che affligge i dilettanti.

 

Quando entriamo nella famiglia, con l'atto di nascita, entriamo in un mondo imprevedibile, un mondo che ha le sue strane leggi, un mondo che potrebbe fare a meno di noi, un mondo che non abbiamo creato. In altre parole, quando entriamo in una famiglia, entriamo in una favola. 

 

Non può esservi sintomo più evidente di una vigorosa salute fisica della tendenza a inseguire nobili e folli ideali; è nella prima esuberanza dell'infanzia che vogliamo la luna.

 

Il Libro di Giobbe 


The Book of Job, 1907  

 

Gli enigmi di Dio sono più soddisfacenti delle soluzioni dell'uomo.

 

L'uomo che fu Giovedì 


The Man Who Was Thursday, 1908 

 

Il buddismo non è una fede, è un dubbio.

 

Ortodossia


Orthodoxy, 1908

 

Credere in se stessi è uno dei segni più comuni del cialtrone.

 

Essere assolutamente sicuri di sé non è solamente un peccato; essere assolutamente sicuri di sé è una debolezza. Credere ciecamente in se stessi è una convinzione isterica e superstiziosa.

 

Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e dell'umanità, finiscono per combattere anche la libertà e l'umanità pur di combattere la Chiesa. 

 

La normalità stessa è un'anormalità.

 

La serietà non è una virtù. Sarebbe un'eresia, ma un'eresia molto più giudiziosa, dire che la serietà è un vizio. 

 

Sarebbe ingiusto passare sotto silenzio la definizione misteriosa ma suggestiva data, pare, da una bambina: "Un ottimista è un uomo che vi guarda gli occhi, un pessimista un uomo che vi guarda i piedi".

 

Il pazzo non è l’uomo che ha perso la ragione. Il pazzo è l’uomo che ha perso tutto tranne la ragione.

 

Materialisti e pazzi non hanno mai dubbi.

 

La vita è la più bella delle avventure ma solo l'avventuriero lo scopre.

 

Enormi sciocchezze


Tremendous Trifles, 1909 

 

Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché questo i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti. 

 

Se c'è qualcosa di peggio dell'odierno indebolirsi dei grandi principi morali, è l'odierno irrigidirsi dei piccoli principi morali.

 

Quando la nostra società vuole catalogare i libri di una biblioteca, scoprire il sistema solare, o altre minuzie del genere, si serve dei suoi specialisti. Ma quando vuol fare qualcosa di veramente serio riunisce dodici uomini comuni. Se ben ricordo, il Fondatore del Cristianesimo fece lo stesso.  

 

Tutto considerato


All Things Considered, 1908 

 

Un'avventura è solo una disavventura vista dal lato buono.

 

Un grande classico è uno scrittore che si può lodare senza averlo letto.

 

La donna media è a capo di qualcosa di cui può fare ciò che vuole; l'uomo medio deve obbedire agli ordini e nient'altro.  

 

Ciò che non va nel mondo


What's Wrong with the World, 1910 

 

Se una cosa merita di esser fatta, merita di esser fatta male.

 

L'ideale cristiano non è stato messo alla prova e trovato manchevole: è stato giudicato difficile, e non ci si è mai provati ad applicarlo. 

 

L'innocenza di Padre Brown


The Innocence of Father Brown, 1911

 

L'uomo può mantenersi ad un certo livello nel bene, ma nessun uomo è mai riuscito a tenersi ad un certo livello nel male: la strada va sempre più in giù.

 

La ballata del cavallo bianco


The ballad of the White Horse, 1911

 

Le grandi opere letterarie sono sempre allegoriche: allegoriche di una qualche visione totale del mondo.

 

A Miscellany of men 


A Miscellany of men, 1912 

 

La primavera non è primavera se non arriva troppo presto.

 

La vera contentezza è una cosa attiva come l'agricoltura. È la capacità di tirar fuori da una situazione tutto quello che contiene. È difficile ed è rara. 

 

Le avventure di un uomo vivo


Manalive, 1912 

 

Per esser felici come un bambino o come un cane, non c'è che da essere innocenti come il bambino; o, come il cane, incapaci di peccato. Esser buoni, insomma.

 

L'utopia degli usurai


Utopia Of Usurers, 1917

 

Qualsiasi uomo può essere lodato, e a ragione. Anche soltanto stando in piedi su due gambe fa qualcosa che una mucca non sa fare.

 

Dove portano tutte le strade


Where All Roads Lead, 1922

 

Se non ci fosse Dio, non ci sarebbero gli atei.

 

Eugenetica e altri malanni


Eugenics and Other Evils, 1922

 

Il male vince sempre grazie agli uomini dabbene che trae in inganno; e in ogni età si è avuta un'alleanza disastrosa tra abnorme ingenuità e abnorme peccato. 

 

Fantasie e fedi


Fancies versus Fads, 1923 

 

La famiglia è il test della libertà, perché è l'unica cosa che l'uomo libero fa da sé per sé.

 

L'incredulità di Padre Brown  


The Incredulity of Father Brown, 1926

 

I veri mistici non nascondono i misteri, li rivelano. Pongono una cosa nella piena luce del giorno e, quando l'avete vista, essa è ancora un mistero. Ma i mistagoghi nascondono una cosa nell'oscurità e nel segreto e, quando la scoprite, è un'insulsaggine.

 

Parlando in generale 


Generally Speaking, 1928

 

La dignità dell'artista sta nel suo dovere di tener vivo il senso di meraviglia nel mondo. 

 

San Tommaso d'Aquino 


St. Thomas Aquinas, 1933 

 

Il paradosso è diventato ormai ortodossia; gli uomini sguazzano placidamente nel paradosso come nel luogo comune. Non è il fatto che l'uomo pratico stia a testa in giù, il che alle volte può essere una stimolante per quanto sconcertante ginnastica; è che a testa in giù ci sta a meraviglia: ci dorme, perfino.

 

La maggior parte delle filosofie moderne non sono filosofia ma dubbio filosofico; dubbio, cioè, se possa esistere una qualunque filosofia. 

 

Autobiografia


Autobiography, 1936

 

La vera difficoltà dell'uomo non è di godere i lampioni o i panorami, non di godere i denti-di-leone o le braciole, ma di godere il godimento, di mantenersi capace di farsi piacere ciò che gli piace. 

 

I paradossi di Mr Pond 


The Paradoxes of Mr. Pond, 1937 (postumo)  

 

Il paradosso è stato definito come "la verità che sta ritta in piedi sulla propria testa per attirare l'attenzione", ed è stato difeso sulla base del fatto che esiste un gran numero di credenze che sta ben saldo sui propri piedi, visto che la testa non la possiede.

 

Libri di Gilbert K. Chesterton

L'uomo che fu GiovedìL'uomo che fu Giovedì
Editore Bompiani, 2007

Dopo un'animata discussione sul tema dell'anarchia, Lucian Gregory riesce a convincere il poeta e amico Gabriel Syme della serietà delle sue argomentazioni e a condurlo a una riunione del Consiglio Centrale Anarchico. I membri della setta hanno fatto però una scelta bizzarra, decidendo di assumere per maggior sicurezza i nomi dei giorni della settimana, e quando Syme sceglie di entrare a farne parte, gli viene assegnato il nome di Giovedì...

 

OrtodossiaOrtodossia
Traduttore R. Asni
Editore Lindau, 2010

In quest'opera, ricchissima di idee e di suggestioni, lo scrittore inglese esprime la sua incrollabile fede cristiana, di cui argomenta con rigore, ma senza rinunciare al gusto per il paradosso, l'assoluta ragionevolezza. Tutte le obiezioni e le accuse che vengono di norma rivolte al cristianesimo sono affrontate con schiettezza, discusse e infine puntualmente rovesciate. Il risultato, spesso sorprendente, è la dimostrazione che anche i punti più astrusi della dottrina colgono una verità profonda dell'essere umano.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su