Henry Miller 

 

Henry Miller

New York 1891 - Pacific Palisades 1980
Scrittore statunitense

Aforismario

 

Tropico del Cancro


Tropic of Cancer, 1934

 

Il mondo è un cancro che si divora.

 

Per cento anni e più il mondo, il nostro mondo, è stato in agonia. E non un uomo, in questi ultimi cento anni, è stato abbastanza pazzo per mettere una bomba nel buco del culo del creato e di farlo saltare in aria.

 

Ogni uomo con la pancia piena di classici è un nemico della razza umana.

 

Se un umano mai osasse tradurre tutto quello che ha nel cuore, mettere giù quella che è la sua vera esperienza, quel che è veramente verità, io credo che allora il mondo andrebbe infranto, che si sfascerebbe in frantumi, e né dio, né accidente, né volontà potrebbe mai radunare i pezzi, gli atomi, gli elementi indistruttibili che componevano il mondo.

 

Primavera nera


Black Spring, 1936

 

Ciò che non è in mezzo alla strada è falso, derivato, vale a dire: letteratura.

 

Svuotare la vescica gonfia è una delle grandi gioie umane.

 

Tropico del Capricorno


Tropic of Capricorn, 1939

 

Confusione è parola inventata per indicare un ordine che non si capisce.

 

La saggezza del cuore


The Wisdom of the Heart, 1941

 

L'arte non insegna niente, tranne il senso della vita.

 

Bisogna dare un senso alla vita, appunto perché evidentemente non ne ha nessuno.

 

Domenica dopo la guerra


Sunday after the War, 1944

 

La storia del mondo è la storia di pochi privilegiati.

 

L'incubo ad aria condizionata


The Air-Conditioned Nightmare, 1945

 

I ciechi guidano i ciechi. È il sistema democratico.

 

L'artista è, in primo luogo, uno che ha fiducia in sé stesso.

 

La musica è un meraviglioso stupefacente, a non prenderla troppo sul serio.

 

Sexus


Sexus, 1949

 

Nessuno metterebbe una sola parola sulla carta se avesse il coraggio di vivere ciò in cui crede.

 

Chi è eternamente preoccupato dai problemi dell'umanità o non ha problemi di suo o si è rifiutato di affrontarli.

 

Parole, frasi, idee, non importa quanto sottili o ingegnose, i voli più folli della poesia, i sogni più profondi, le visioni più allucinanti, non sono altro che rozzi geroglifici cesellati nella sofferenza e nel dolore per commemorare un evento non comunicabile.

 

Big Sur e le arance di Hyeronymus Bosch


Big Sur and the Oranges of Hieronymus Bosch, 1957

 

La nostra meta non è mai un luogo, ma piuttosto un nuovo modo di vedere le cose.

 

Tropico del CancroTropico del Cancro
Autore Henry Miller
Traduttore L. Bianciardi
Editore Feltrinelli, 2005

Romanzo in prima persona, o meglio vera e propria autobiografia con il ritmo narrativo di un romanzo, l'opera racconta, con linguaggio fluidamente realistico, la vita e le imprese dell'autore e dei suoi amici, aspiranti artisti, nei quartieri poveri della Parigi degli anni '30. Una storia piena di alberghi modesti, di stanze infestate dalle cimici, di risse e di sbornie ricorrenti, di emigrati, di truffe e di postriboli, ma soprattutto un'avventura umana di straordinario spessore, un simbolico viaggio lontano da tutte le convenzioni, alla scoperta della propria identità.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su