Jean Anouilh 

 

Jean Anouilh

Bordeaux 1910 - Losanna 1987
Scrittore, regista e drammaturgo francese

Aforismario

 

Antigone


Antigone, 1942

 

Per ciascuno di noi vi è un giorno, più o meno triste, più o meno lontano, in cui deve infine accettare di essere uomo.

 

C'è niente di più brutto di un uomo spaventato?

 

L'invito al castello


L'Invitation au Château , 1947

 

Quando si è brutti, non si hanno mai vent'anni.

 

La ripetizione o l'amore punito


La répétition ou l'amour puni, 1950

 

Non c'è che un rimedio all'amore: la fuga. 

 

Con questa moda universale di truccarsi, tutte le donne che non sono troppo brutte finiscono per rassomigliarsi.

 

Colomba


Colombe, 1951

 

Il dramma del cornuto, è il dramma dell'uomo: la conoscenza. 

 

L'allodola


L'Alouette, 1952

 

Tutti pensano che Dio sia dalla loro parte. I ricchi e i potenti sanno che è così.

 

Ornifle o la corrente d'aria 


Ornifle ou le courant d'air, 1955

 

Le donne, come la zuppa, non bisogna lasciarle raffreddare. 

 

Becket o l'onore di Dio


Becket ou l'honneur de Dieu, 1959

 

La bellezza è una di quelle rare cose che non fanno dubitare di Dio.

 

Anche la santità è una tentazione.

 

Fino al giorno della morte, nessuno può essere sicuro del proprio coraggio.

 

La sincerità è un calcolo come un altro. 

 

I pesci rossi o Mio padre, questo eroe


Les poissons rouges; ou Mon père, ce héros, 1970

 

Se tutti gli uomini fossero ginecologi, ci sarebbero molti meno crimini passionali.

 

Non svegliate la signora


Ne réveillez pas Madame, 1970 

 

È nel ricordo che le cose prendono il loro vero posto. 

AntigoneAntigone
Variazioni sul mito
Autori: Sofocle; Jean Anouilh; Bertolt Brecht
Curatore M. G. Ciani
Traduttore A. Rodighiero; M. Carpitella
Editore Marsilio, 2004

Un mito che attraversa più di due millenni e la cui presenza nella storia della civiltà occidentale è pressoché ininterrotta. Antigone ribelle, Antigone dolente, Antigone eroica, Antigone martire... sempre e per sempre Antigone, la donna per la quale, anche a prezzo della morte, il diritto privato è superiore al diritto pubblico. Due capolavori del teatro moderno, opera di Anouilh e Brecht, sfidano l'Antigone di Sofocle e ripropongono assieme alla storia esemplare, una domanda a cui è difficile dare una risposta: perché il mito greco continua a dominare ininterrottamente nell'immaginario occidentale?

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su