Lorenzo Magalotti 

 

Lorenzo Magalotti

Roma 1637 - Firenze 1712
Scienziato, letterato e diplomatico italiano

Lettere odorose, 1693-1705

Aforismario

 

Gl'ignoranti hanno questo di comune con gli empi: quando sono nel profondo, disprezzano.

 

Il buon naso è come l’oratore: si fa. Il buon orecchio è come il poeta: nasce.

 

Suol dirsi che quando parla il pazzo è segno che ha udito parlare il savio. In certe materie di delicatezza, quando parlano i severi è segno che hanno udito parlare i lubrici, e che, mentre si trovano tutti d’accordo, la cosa è già passata in giudicato.

 

Chi fabbrica su l’amore, fabbrica sul fango.

 

L’interesse della nostra stima e della nostra pace merita bene il sacrifizio della nostra vanità in sopprimere di quei talenti che, conosciuti a mezzo, ci rendono ridicoli, e che, conosciuti a fondo ma non pareggiati da quei degli altri, ci rendono odiosi.

 

Tutte le virtù grandi, quando sono sole, riescono gravi, odiose, e di poco uso o nessuno.

 

Bisogna intendere che le virtù umane sono come i gusti: questi in tanto son gusti, in quanto son rimedii o cessazioni di mali; quelle in tanto paion virtù, in quanto son rimedii o cessazioni di vizi.

Saggi di naturali esperienzeSaggi di naturali esperienze
Autore Lorenzo Magalotti
Curatore S. S. Nigro
Editore Sellerio Editore Palermo, 2001

I rapporti di laboratorio della secentesca Accademia del Cimento, prototipo della odierna divulgazione. Magalotti invitava al piacere della scienza, e facendolo temprava una lingua nuova: l'italiano.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su