Oliver Wendell Holmes sr. 

 

Oliver Wendell Holmes sr.

Cambridge 1809 - 1894
Medico e scrittore statunitense

(padre di Oliver Wendell Holmes jr.)

Aforismario

 

L'autocrate della prima colazione


The Autocrat of the Breakfast-Table, 1858

 

La cosa importante nel mondo è non tanto dove stiamo, quanto in che direzione stiamo andando.

 

Vi sono alcuni che hanno soltanto abbastanza anima da impedire al corpo di putrefarsi.

 

Niente è così comune come il desiderio di essere eccezionale.

 

Il peccato possiede molti utensili, ma la menzogna è il manico che si adatta a tutti.

 

Quante persone vivono con una reputazione che avrebbero voluto avere! 

 

È dalle piccole cose che conosciamo noi stessi. 

 

L'uomo ha la sua volontà, ma la donna ha la sua strada! 

 

La mente di un bigotto è come la pupilla dell'occhio. Tanto più la luce risplenderà su di essa, quanto più si contrarrà. 

 

Il professore alla prima colazione


The Professor at the Breakfast Table, 1860

 

Il rumore di un bacio non è così forte come quello del cannone, ma la sua eco dura molto più a lungo.

 

L'intuizione di un istante talvolta vale una vita di esperienza.  

 

La vera religione del mondo proviene assai più dalla donne che dagli uomini, − e soprattutto dalle madri, che portano la chiave delle nostre anime nei loro cuori. 

 

La saggezza è il riassunto del passato, ma la bellezza è la promessa del futuro. 

 

La verità è resistente. Non scoppia come una bolla di sapone appena la tocchi. No, anche se la prendi a calci tutto il giorno, la sera sarà tonda e piena.  

 

Elsie Venner


Elsie Venner, 1861 

 

Sii educato e generoso, ma non ti sottovalutare. 

 

Il poeta alla prima colazione


The Poet at the Breakfast-Table, 1872

 

La vita è una malattia fatale, e straordinariamente contagiosa.

 

Molte idee crescono meglio quando vengono trapiantate in un'altra mente piuttosto che in quella in cui spuntarono. 

 

Saggi di medicina 


Medical Essays 1842-1882, 1861/91

 

L'uomo giovane conosce le regole, ma il vecchio conosce le eccezioni.  

 

Il giovane conosce il suo paziente, ma il vecchio ne conosce anche la famiglia, vivi e morti, su e giù per le generazioni. 

 

Nessuna famiglia prende così poche medicine come quella del dottore, eccettuata quella del farmacista.  

 

Se gettassimo in fondo al mare tutte le medicine che utilizziamo, sarebbe tanto meglio per noi e tanto peggio per i pesci. 

 

Io chiamo un buon paziente uno che, avendo trovato un buon medico, gli resta fedele fino alla morte.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su