Samuel Johnson 

 

Samuel Johnson

Lichfield 1709 - Londra 1784
Scrittore, poeta e critico letterario britannico

Vita di Samuel Johnson

James Boswell, Life of Samuel Johnson, 1791 (postumo)

Aforismario

 

La prudenza è un modo di comportarsi che preserva la vita, anche se spesso non la rende felice. 

 

La conoscenza è di due tipi: o conosciamo un soggetto per nostro conto, oppure conosciamo il posto dove poter trovare informazioni al riguardo.  

 

La vita è una pillola che nessuno può riuscire a ingoiare se non è dorata.

 

Meglio essere attaccato che passare inosservato. Perché la peggiore cosa che si possa fare a uno scrittore è non parlare delle sue opere.

 

Ci si dovrebbe lasciar guidare, nelle letture, solo dalla propria inclinazione: quello che si legge per una sorta di senso del dovere porterà ben poco vantaggio.  

 

Un secondo matrimonio è il trionfo della speranza sull'esperienza.

 

Rileggete i vostri componimenti, e quando trovate un passaggio che vi sembra particolarmente bello, cancellatelo.

 

Colui che non si preoccupa di quello che mangia non saprà preoccuparsi di nient'altro.

 

Quando gli uomini giungono a essere soddisfatti della vita di mare, non sono adatti a vivere in terra ferma.

 

Il patriottismo è l'ultimo rifugio di un briccone. 

 

Le promesse, le grandi promesse, sono l'anima della pubblicità.

 

Meglio vivere ricchi, che morire ricchi.

 

Una mosca può pungere un cavallo maestoso e farlo trasalire, ma quella è soltanto un insetto, e questo, pur sempre un cavallo.  

 

Qualunque somma tu abbia, spendi meno.

 

Potete rimproverare un falegname che vi ha fatto male un tavolo, anche se non sapete fare tavoli. Fare tavoli non è il vostro mestiere. 

 

Aveva una sola idea. Pessima anche quella.  

 

Non è importante il modo in cui in uomo muore, ma come vive: l'atto di morire non è importante, dura così poco.  

 

Un uomo che si rende ridicolo quando è ubriaco non possiede l'arte dell'ubriacarsi.  

 

Bisogna sfogliare un'intera biblioteca per fare un libro. 

 

Nessuno che non fosse uno stupido ha mai scritto per ragioni diverse che per far quattrini.

 

L'inferno è lastricato di buone intenzioni. (Proverbio)

 

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su