William Blake 

William Blake

 Londra 1757 - 1827
Poeta, incisore e pittore inglese

Proverbi infernali

Proverbs of Hell

in The Marriage of Heaven and Hell, 1790-1793

Aforismario

 

La strada dell'eccesso porta al palazzo della saggezza.

 

Chi desidera ma non agisce, alleva pestilenza.

 

Nel tempo della semina impara, in quello del raccolto insegna, d'inverno spassatela.

 

Lo stolto non vede un albero allo stesso modo del saggio.

 

Chi non ha luce in viso, non diventerà mai una stella.

 

L'Eternità è innamorata delle opere del tempo.

 

L'ape indaffarata non ha tempo per rattristarsi.

 

Le ore della follia sono misurate dall'orologio, ma quelle della saggezza nessun orologio può misurarle.

 

Nessun uccello vola troppo in alto, se vola con le proprie ali.

 

Se il matto persistesse nella sua follia, andrebbe incontro alla saggezza.

 

Le prigioni sono costruite con le pietre della legge, i bordelli con i mattoni della religione.

 

La cisterna contiene: la fontana trabocca.

 

Un pensiero colma l'immensità.

 

Sii sempre pronto a dire ciò che pensi, e il vile ti scanserà.

 

L'aquila non perse mai tanto tempo come quando si sottomise a imparare dal corvo.

 

Al mattino pensa. A mezzogiorno agisci. Alla sera mangia. Quando è notte dormi.

 

Le tigri dell'ira sono più sagge dei cavalli dell'istruzione.

 

Non saprai mai cos'è abbastanza, se non sai cos'è più che abbastanza.

 

Chi manca di coraggio è esuberante d'astuzia.

 

Quando vedi un'aquila, tu vedi una parte del genio; alza la testa!

 

Esuberanza è Bellezza.

 

Il miglioramento crea strade rettilinee; ma le strade tortuose senza miglioramento sono strade di genio.

 

La verità non può mai essere detta in modo tale da essere compresa, e non essere creduta.

 

Basta! o troppo.

 

La Prudenza è una ricca e ripugnante vecchia zitella corteggiata dall'Incapacità.

 

Il verme tagliato perdona l'aratro.

 

La Follia è il mantello della furfanteria.

 

Ascolta il rimprovero dello stolto: è un titolo da re!

 

Quello che oggi è dimostrato fu un tempo solo immaginato.

 

Il vino migliore è il più vecchio, l'acqua migliore è la più nuova.

 

Sarebbe meglio per te uccidere un bimbo nella culla che allevare desideri irrealizzati.  

 

Dove non c'è l'uomo la natura è sterile.

 

Una stessa legge per il leone e per il bue è oppressione.

Il matrimonio del cielo e dell'infernoIl matrimonio del cielo e dell'inferno
Testo inglese a fronte
Autore William Blake

Traduttore Giuseppe Ungaretti
Editore SE, 2003

Blake è un poeta difficile. Sempre, anche quando è semplice come l'acqua. Ma c'è un poeta, o un qualsiasi uomo che parli, che sia nel suo dire interamente decifrabile? Il vero poeta anela a chiarezza: è smanioso di svelare ogni segreto: il proprio, il segreto della sua presenza terrena cercando di conoscere il segreto dell'andare della storia e dei motivi che reggono l'universo, cercando d'impossessarsi, folle, del segreto dei segreti. Egli ha coscienza che la parola è difficile, ma, e se ne dispera, la rende fatalmente più oscura, più intrappolata nei significati che, cercando di nudarla e di coprirla di luce, le moltiplica.

Indice Autori - Home Page - Avvertenze - Contatti - Torna su